Coperture aumentate e cauzioni ridotte - Nella rinnovata convenzione tra Acer e Unione Terre d’Argine

Garanzie nuove o potenziate, sia per il proprietario sia per l’inquilino di immobili con “Affitto Casa Garantito” (ACG): sono le principali novità della convenzione tra Unione Terre d’Argine e Acer.

Il nuovo accordo, valido dal 1° Gennaio 2020 a tutto il 2022, prevede infatti varie modifiche, a beneficio dell’uno o dell’altro contraente: per il proprietario - oltre alla garanzia già prevista per rate d’affitto non versate - la possibilità di coprire fino a 8.000 euro anche spese condominiali non pagate dall’inquilino benché di sua competenza (delle quali proprietario deve rispondere in solido), e il rimborso dei danni per cattiva conduzione dell’immobile. Sono state inoltre stabilite: la copertura di spese legali per l’eventuale sfratto fino a 2.500 euro (erano 1.500 finora); la riduzione del deposito cauzionale a due mensilità (erano tre); l’estensione del periodo di garanzia a otto anni (erano sei), coprendo in questo modo un ciclo contrattuale completo (proroghe  incluse); una riduzione, rispetto alle Tabelle di canone concordato, dal 5% al 20%. Fra le misure a salvaguardia della inquilino è stato inserita la possibilità di sospendere e anche revocare le garanzie al proprietario, qualora questi non rispetti gli obblighi contrattuali.

La nuova convenzione è stato concordata con le associazioni di rappresentanza dei proprietari e degli inquilini e ha lo scopo di rilanciare lo strumento dell’“Affitto casa garantito” in un momento in cui persone con fragilità economica faticano sempre più a trovare immobili da affittare, spesso proprio perché non possono dare garanzie quali un lavoro a tempo indeterminato o versare numerose mensilità di cauzione. Il fondo stanziato attraverso un accordo con la Fondazione Cassa di Risparmio ammonta a 70.000 euro complessivi per i quattro Comuni.

Per informazioni: Ufficio Casa Tel. 059-649933.

Informazioni e modalità d'accesso

Visite: 131

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto