Al via il progetto che intende aiutare le famiglie che sostengono spese nelle strutture private per i loro congiunti anziani

Comunicato stampa n.820 (21-2019)

l numero di posti nelle Case Residenza per Anziani (CRA) comunali è inferiore alla richiesta che viene dal territorio: l’Unione delle Terre d’Argine grazie al contributo della Fondazione CR Carpi ha messo ora in campo un progetto, il cui titolo è Trame d’argento, che intende aiutare le famiglie che sostengono spese nelle strutture private per i propri congiunti già inseriti in graduatoria per una CRA comunale. Il progetto, al via tra maggio e giugno, mira infatti ad erogare contributi economici mensili per la durata di un anno a sostegno di tali rette. Il cittadino deve presentare una domanda su apposito modulo, corredato o meno di modello ISEE in corso di validità, che andrà consegnata presso la sede del Servizio Sociale del comune di residenza all’assistente sociale responsabile del caso. Il Servizio effettuerà la verifica della regolarità dei pagamenti ed erogherà a seguire un contributo forfettario in base a tre fasce di reddito individuate: con ISEE superiore o uguale a 25.000 euro, tra 25.000 e 10.000 euro, uguale o inferiore a 10.000 euro si riceveranno rispettivamente 300, 400 o 500 euro al mese. I contributi saranno erogati sino ad esaurire l’intera somma prevista per il progetto, 250 mila euro. Si precisa che il contributo non potrà comunque essere superiore alla differenza tra il costo della retta massima da accreditamento e quello sostenuto mensilmente nella struttura privata.

I posti autorizzati e contrattualizzati di CRA dall’ente pubblico come detto non sono oggi più sufficienti a rispondere ai bisogni della popolazione anziana che continua a crescere. L'aumento delle aspettative di vita e dell'invecchiamento della popolazione ha come conseguenza un aumento dei soggetti non autosufficienti. In questi anni si è assistito così ad un allungarsi progressivo delle liste di attesa per gli ingressi in CRA ed alla presenza sempre più numerosa nelle suddette liste di persone gravemente non autosufficienti, che nella maggioranza dei casi non possono essere assistite presso le loro abitazioni. Questa situazione costringe così molte famiglie a rivolgersi a strutture private, con costi molto superiori a quelli previsti per le CRA pubbliche.

Grazie a Trame d’argento si punta a garantire un sostegno economico ad almeno 50 famiglie che utilizzano CRA private per il periodo massimo di un anno. Se i beneficiari del sostegno accedessero alla CRA pubblica o in conseguenza di altri eventi riducessero il tempo massimo di utilizzo del contributo, si potrebbe arrivare anche a numeri più alti.
Il progetto interesserà il territorio dell'Unione, limitatamente ai Comuni di Carpi, Novi di Modena e Soliera, e vede un finanziamento della Fondazione CR Carpi di 200.000 euro e dell’Unione delle Terre d’Argine di altri 50.000.

Visite: 1874

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto